Prodotto aggiunto alla lista dei desideriVisualizza Lista dei desideri
sitenne logo

Take your time

Vieni, prova, rilassati.
Se quello che ti piace non è perfetto niente paura! Da noi la sarta è a bordo...

Il noleggio vintage è qui

Da Sitenne si noleggia!
Feste in maschera, cerimonie, cinema, tv e teatro...

Rapidissimo

Iscriviti aprendo un account, oppure usando un profilo social: noi riceveremo solo i dati essenziali alla registrazione.

Ordini

Controlla lo storico e lo stato degli ordini.

Profilo

Fatturazione, indirizzo di spedizione, nome…

Offerte

Tanti vantaggi e sconti per chi si iscrive al sito

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra informativa sulla privacy.

X
+39.06.77.25.09.91
  Siamo a Roma
in Via Petrarca, 1
ed il nome si pronuncia [sit̪ɛn:ɛ]

Apertura

mar. - ven. : 10:30 - 19:30
sab : 11:00 - 19:00
alberta : alberta@sitenne.com
info : info@sitenne.com
Contatti

Seleziona una pagina
  • Sitenne Vintage

    Totale articoli: 1

Siamo stati contattati da Ansa Lifestyle per spiegare come si riconosce un capo vintage

Siamo stati contattati da Ansa Lifestyle per spiegare come si riconosce un capo vintage

sitenne su snapitaly

ANSA Lifestyle ci ha chiesto di spiegare come riconoscere un vero capo vintage…
Alberta ha spiegato così che cosa guardare per non illudersi di avere fatto l’affarone o di avere comprato il vero, autentico, cappotto di Napoleone…

Nell’articolo si parla anche di #slowfashion e nuovi stili di acquisto, compresa anche l’applicazione Vintag, che da poco ha organizzato un evento qui da noi.

“La prima valutazione di un abito vintage si fa partendo dall’etichetta, – ha spiegato Alberta Spezzaferro, consulente vintage e direttrice creativa SiTenne. – L’abito di boutique d’antan ha la cosiddetta ‘etichetta sartoriale’, che si distingue da quella di composizione. La prima non è stampata ma ricamata e riporta il nome del sarto o della sartoria, l’anno e il luogo di confezionamento. Dagli anni Ottanta questo genere di etichette riportava anche il nome della boutique associata alla marca, come ad esempio ‘Ausoni per Cenci’, oppure ‘Ausoni per Burberry’. Le etichette di composizione invece sono state inserite per legge a partire dagli anni Settanta quindi laddove siano presenti si può capire l’età del capo e anche individuare la composizione dei tessuti ed il luogo di fabbricazione. Infatti una gonna venduta come vintage, seppure lucente e palpabile, potrebbe essere al 100% poliestere, fabbricata in USA e non valere il prezzo richiesto

Leggi qui l’articolo!

La nostra direttrice creativa è stata intervistata dal blog Vintag!

La nostra direttrice creativa è stata intervistata dal blog Vintag!

sitenne su snapitaly

Sul blog di Vintag una bella intervista alla nostra direttrice creativa.
Da leggere tutto di un fiato, soprattutto per chi arriva alla moda per vie… traverse.
Fra fantasie, sartoriali, creatività e originalità come scelta di vita, questa è la nostra moda controcorrente.
Perché sarà anche moda, ma l’usato è sempre la scelta migliore, per noi, per l’ambiente, per la nostra voglia di sentirci unici.

Dico sempre alla mie bambine che vestire bene serve a pensare bene a mangiare bene… insomma è un elemento importante per sviluppare la propria individualità. La massa in certi casi mi spaventa: a me piacciono le differenze, gli stili originali e, perché no, anche gli eccessi.”

Leggi qui l’articolo!

#allyouneedisvintage: guarda le foto dell’evento

#allyouneedisvintage: guarda le foto dell’evento

Serata intima ed interessantissima! 

Davanti ad un pubblico di vintagers, esperte o apiranti spacciatrici di stile onLine abbiamo parlato di come vendere sulle applicazioni marketplace, ed in particolare su #vintag, proprio con la sua fondatrice, guru del vintage onLine italiano, Francesca Tonelli.

Alberta invece è intervenuta con il suo classico stile spumeggiante parlandoci di un po’ di storia dell’abbigliamento, ed in particolare delle etichette e del loro ruolo nel riconoscimento di un capo. E tu? Come riconosci un capo vintage?

Se non avete partecipato… vi siete persi una bella serata, una tazza di thé, un bicchiere di prosecco ed una crostata fatta in casa offerta dal team Vintag.

Ma restate in contatto: abbiamo un sacco di idee per il futuro… ci mettiamo ancora in cattedra? 😊😊😊

Vintag! Aperitivo… con etichette!

Vintag! Aperitivo… con etichette!

Sabato prossimo, 9 novembre, alle 17.00 ospiteremo Vintag e la sua fondatrice, Francesca Tonelli per un incontro sulle #etichette #vintage e la loro importanza per riconoscere un #veroaffare nel difficile settore della #moda d’epoca.
Scoprirete curiosità e trucchi del passato, ma conoscerete anche la pluripremiata applicazione per la compravendita del vintage, tutta italiana e tutta ecosostenibile…
Entrata libera e… RSVP gente!

Sitenne Vintage Store